Ipermetropia: cause, sintomi e trattamento

L’ipermetropia è uno dei difetti della vista più frequenti nella popolazione mondiale, secondo forse solo alla miopia.

Nell’occhio ipermetrope, i raggi luminosi non arrivano sulla retina, ma dietro di essa, rendendo la vista sfocata a qualunque distanza.

Spesso, però, si interviene con metodi correttivi solo quando il disturbo è diventato molto grave, poiché in tale condizione l’occhio attiva il meccanismo di accomodazione, ossia un aumento della curvatura anteriore del cristallino. Essendo un meccanismo automatico, se non si portano lenti correttive esso resta sempre in funzione, affaticando la vista e aggravando quindi il difetto visivo.

La causa principale dell’ipermetropia è la lunghezza del bulbo oculare: troppo corto rispetto al potere refrattivo. Altre cause possono essere l’eccessiva distanza fra cristallino e cornea o un’eccessiva curvatura di essi.

Tutti i bambini, in genere, sono affetti da ipermetropia, per questo è importante effettuare le prime visite oculistiche già dai tre anni di età, per verificare se il difetto è in fase di regressione e quindi destinato a scomparire verso i 6 o 7 anni di età, oppure se resta costante e quindi è necessario un paio di lenti correttive.

L’ipermetropia, comunque, in assenza di visite specialistiche, si nota soltanto dopo i 40 anni, quando l’occhio non è più in grado di accomodare perfettamente. In questa fase, l’occhio viene sforzato moltissimo e tende ad arrossarsi e lacrimare e può degenerare in strabismo.

Il trattamento più indicato, dunque, è quello di portare occhiali o lenti a contatto con lenti positive, tenendo comunque presente che col passare degli anni, sono necessari due paia di occhiali sempre più forti (per vedere sia da vicino che da lontano) o in alternativa utilizzare lenti multifocali.

È possibile, infine, correggere l’ipermetropia con trattamenti laser o con lenti intraoculari fachiche quando i laser sono controindicati. Si tratta, in ogni caso, di interventi chirurgici, quindi con tutte le complicazioni ad essi correlate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *