Differenze tra la forfora grassa e la forfora secca

forfora

 

Le chiome di uomini e donne conoscono un problema assai comune ed imbarazzante, oltre che fastidiosamente antiestetico: la forfora. Essa causa spesso prurito e influisce anche sul piano psicologico, provocando disagi e facendo abbassare la propria autostima. Ad ogni tipo di capello è legato un tipo di forfora, leggi qui per saperne di più.

La forfora grassa è impossibile da ignorare per come si presenta: è grossa, giallastra e può essere evidente insieme al rossore sul cuoio capelluto. Stress e ansia sembrano essere le cause scatenanti più comuni. L’uso abituale di uno shampoo specifico contro la forfora grassa rappresenta un ottimo rimedio.

Si raccomanda uno shampoo con oli essenziali, ma solo dopo l’applicazione di uno scrub purificante per esfoliare la cute. Il Tea Tree Oil, inoltre, è molto utile, con la sua azione antibatterica, nella lotta contro la forfora grassa.

La forfora secca, invece, comporta il cuoio capelluto arrossato e la presenza di squame dal color biancastro. Le cause più frequenti sono un’eccessiva secchezza della pelle, una scorretta igiene (scarsa o esagerata) oppure una dieta non equilibrata, per cui si consiglia di assumere regolarmente vitamine e zinco, essenziali per la salute dei capelli.

Anche in questo caso, il Tea Tree Oil si rivela l’ideale, perché combatte batteri e funghi, e aiuta a sfiammare il cuoio capelluto; è raccomandabile utilizzarlo in abbinamento all’olio di lavanda, che purifica e lenisce.

Le differenze tra i due tipi di forfora sono evidenti: la forfora secca è quella che cade sulle spalle data la notevole desquamazione della cute. E’ possibile che provochi anche un fastidioso prurito. La forfora grassa, invece, è legata ad un’eccessiva produzione di sebo. Le squame appaiono untuose, piccole, e si staccano solo se stimolate manualmente.

In generale, entrambi i tipi di forfora possono essere causati da fattori esterni o ad un disequilibrio della flora batterica del cuoio capelluto, sia occasionale che frequente.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *